Curiosità

Chi è la dea Kali?

Nella cultura e spiritualità indiana, “Goddess Kali”  (la dea Kali) è la leader dei Mahavidya che è considerato il pantheon delle principali dee magiche tantriche indiane. Il termine kali deriva da ‘kala’ che nell’antica lingua sanscrita significa tempo. Nella versione tantrica kali è spesso chiamata Dea Madre scura.
Goddess Kali è la manifestazione delle varie forme di Shakti, la dea divina della distruzione di tempo, spazio e contro ego e ignoranza.

La duplice essenza di Kali

L’aspetto esteriore di Kali, è rappresentata dal colore nero o blu, con la sua evidente lingua fuori, molteplici braccia, adornata con collane di teste decapitate, teschi nelle mani e danzante sopra a Shiva.
Lord Shiva appare ammirato dalla spavalderia e dalla sensualità della sua amata dea Kali.
Kali rappresenta la natura dei due principi dell’assoluto!
E’ una forma e iconografia liberatoria riguardo alla sessualità femminile, infatti Kali è la dea tantrica sacra che è naturalmente nuda e libera.

Divinità, Mantra, e Rituali di Kali Ma

Kali è la divinità induista femminile, è paragonabile all’eterna energia.
La rappresentazione attraente e suggestiva di Kali è sinonimo di fertilità, forza e creatività femminile. Ma Kali è anche colei che distrugge, crea e modifica il Mondo. ‘Kali Ma’ è una dea spaventosa ma compassionevole, ha la capacità di uccidere il male e l’ego ma libera la mente.
E’ una guerriera armata, feroce e battagliera contro le malvagità ma protegge i suoi fedeli.
Le festività varie di kali puja vengono celebrate in buona parte dell’India e nell’India meridionale viene venerata ‘BHADRA KALI’ perchè è considerata la protettrice di epidemie e virus.
Il mantra della divina Kali è sempre utile nei rituali olistici tantra.
Kali è inoltre simbolo di fenomeni distruttori come pandemie, guerre e carestie.

Cosa significa Kali Yuga?

Nelle sacre scitture induiste vengono distinte (4) quattro epoche chiamate Yuga:
– la prima denominata Krita o Satyayuga corrisponde all’età dell’oro,
– la seconda chiamata Treta Yuga è l’età dell’argento,
– la terza detta Dwapara Yuga è l’età del bronzo/rame,
– la quarta, che è l’era in cui viviamo viene detta KALI YUGA ovvero l’età del ferro.
Kali Yuga è iniziata circa 5000 anni fa e ha una durata di 432.000 anni terrestri.
Il ciclo di Kali Yuga è l’era oscura e da qui ipoteticamente prende il nome della divina Kali dea Indiana.
Come nella doppia essenza della dea Kali anche nell’era di Kali Yuga convivono insieme aspetti negativi come il materialismo e aspetti positivi come la spiritualità.
Nei Veda era tutto scritto ancora tanti anni fa, nell’era di Kali Yuga ci saranno terremoti, inondazioni alternate a siccità, virus, ecc. E’ la natura di Kali che si ribella, è il suo volere divino.

Involuzione Spirituale

L’epoca attuale, Kali Yuga è la meno nobile di tutte le ere. Il destino di Kali Yuga è una qualità di vita spirituale quasi inesistente, gli individui sono rozzi dal punto di vista intellettuale e culturale.
Un accorgimento sano di vivere in Kali Yuga è quello di attingere alle leggi sacre e storiche dell’Oriente. Equilibrio e centratura del positivo e del negativo, proteggersi e rinforzarsi con mantra, mudra, meditazioni, yoga e rituali tantrici indiani. Tutto è ciclico, come la natura, i pianeti, ascesa e discesa, vita e morte, c’è gran bisogno di ripulire per un nuovo benessere generale.
Siamo comunque all’inizio del Kali Yuga e tutto può cambiare positivamente, c’è sempre la possibilità di trovare soluzioni spirituali per la propria evoluzione.                   ♥ Soraya ♥

clicca qui x altre info:
https://www.tantratreviso.org/regalati-unesperienza-di-tantra-in-treviso/